Invia sms gratis!

Il "camino rosso"

Pubblicato da Robj | sabato, novembre 17, 2007 | , | 0 commenti »




La Red Special, chiamata anche Red Fireplace, è la chitarra costruita nel 1963 da Brian May, storico chitarrista della rock band britannica Queen, e suo padre Harold, ingegnere appassionato di modellismo. Il costo totale della chitarra risultò, al tempo, di sole otto sterline, pur rivelandosi così valida da essere altrettanto eccellente, se non perfino migliore, di qualunque altra disponibile sul mercato. Il nome "Red Special" deriva dalla colorazione rossastra del mogano e dall'unicità dello strumento. Il sistema di circuitazione inventato da Brian May permette una gamma di oltre venti diverse combinazioni di suono. La timbrica più caratteristica è quella di un suono piuttosto lugubre, nasale, penetrante, aggressivo ed autorevole. La scelta di Brian per quanto riguarda le meccaniche è caduta sulle validissime Grover autobloccanti, che aiutano a mantenere l'accordatura dello strumento anche in caso di uso molto intenso della leva del tremolo. Il top del corpo è, come la tastiera a 24 tasti (2 ottave), in quercia, mentre il retro ed il manico in mogano, ricavato da parti di un caminetto in mogano. Brian usò dei bottoni in madreperla per ricavare i punti segnatasto applicati sul manico. Il contorno bianco sul corpo (binding, in gergo) è realizzato con gli stessi materiali che si usano per contornare le mensole. Il manico ha una scala di 24 pollici, molto più corta della media delle elettriche in commercio, ed è ricoperto con una vernice trasparente che dà una sensazione tattile molto particolare, tipica dei manici in acero laccati. Il manico fu dotato di un tasto zero e una guida in grafite (che è un materiale autolubrificante) per ridurre al minimo l'attrito. Il corpo è stato svuotato in alcuni punti per creare delle camere tonali, contributo importante al caratteristico sound della Red Special. Il ponte ed il tremolo sono stati realizzati usando i materiali più disparati: le molle provengono da una motocicletta dell'epoca, e servono a bilanciare la tensione delle corde. Per l'epoca in cui è stato costruito (1963), il gruppo tremolo ha ottime prestazioni, rende molto bene con ogni tipo di virtuosismo (dal tremolo leggero ai dive bomb) e soprattutto ha il grande pregio di mantenere in maniera eccellente l'accordatura dello strumento, grazie alla sua particolare costruzione che elimina quasi completamente gli attriti e i movimenti di frizione all'interno del gruppo stesso, questo grazie al fatto che il ponte fu dotato di rotelline per consentire alle corde di ritornare perfettamente alla tensione originale dopo l'uso della leva. I pickup impiegati sulla Red Special sono tre Burns Trisonic, collegati in serie (a differenza per esempio di Fender e Gibson, che collegano i pickup normalmente in parallelo), il che permette di aumentare la potenza in uscita (output) dello strumento usando contemporaneamente due pickup (le cosiddette "coppiette") o attivandoli tutti e 3. I tre pickup sono stati modificati e trattati con epossidici da Brian stesso, per evitare effetti di tipo microfonico e migliorarne il tono e le prestazioni. Peraltro, il loro corpo interno in ceramica garantisce già di per sé un volume di output elevato ed eccellente controllabilità su una vasta gamma di distorsioni e saturazioni diverse, rendendo lo strumento molto versatile. I controlli principali sono una manopola per il volume, una per il tono e un sistema di switching esclusivo di questa chitarra: la Red Special monta tre piccoli switch, uno per ogni pickup, che permettono la disattivazione dei pickup stessi, ed altri tre per metterli o meno in fase fra loro, modificando il suono fra tonalità tipiche degli Humbucker (2 o 3 pickup in fase) e suoni brillanti e cristallini (qualunque combinazione fuori fase). Quando i pickup sono fuori fase, infatti, la loro caratteristica è quella di eliminare certe frequenze dando in risposta un suono tipicamente nasale e ottenibile solo da pickup con controllo di fase. Altre chitarre elettriche montano questo sistema, ad esempio la Fender Jaguar o la Fender Mustang. Esempi della versatilità tonale della Red Special si trovano in tutta la discografia dei Queen, dal solo fuori fase di "Bohemian Rhapsody" ai toni aggressivi di "I Want It All" o "Hammer to Fall", passando per il blues sofisticato di "Sleeping On The Sidewalk" e le bizzarrie sonore di "I'm Going Slightly Mad" e "Brighton Rock". Un altro segno distintivo di Brian May, è la moneta da sei pence che usa al posto del plettro. Scelta per il suo profilo caratteristico e l'attacco particolarissimo conferito alle note suonate, permette la creazione di effetti sonori molto particolari variandone leggermente inclinazione, forza sulle corde e posizione del "plettro". Nei casi in cui sia necessario un suono dotato di minore attacco e tendenzialmente più morbido, Brian suona utilizzando il dito indice per pizzicare le corde al posto del plettro. Una caratteristica fondamentale per il suono della Red Special è costituita dall'amplificazione e dagli effetti usati. Gli amplificatori scelti da May sono dei valvolari VOX AC-30, in numero variabile fra 9 (in studio) e 16 (per i live), messi l' uno sull'altro nell'inconfondibile disposizione a muro. Fra essi e la Red Special trovano posto un piccolo preamplificatore, progettato e costruito artigianalmente dal bassista dei Queen John Deacon (e chiamato per questo Deacey Amp) ed un pedale di enfatizzazione delle frequenze medio-alte (il Treble Booster), il cui scopo è quello di saturare lo stadio finale di amplificazione costituito dai quattro pentodi el84. Il treble booster è in grado di amplificare il suono in ingresso fino a 20db (decibel) e quando collegato ad un amplificatore valvolare è perciò in grado di saturarlo. Nel passare degli anni Brian May adoperò vari tipi di treble booster (i primi erano costruiti con transistor al germanio) come è possibile sentire nei primi due album dei Queen, per poi passare ad altri pedali che, non essendo al germanio, davano un timbro più secco ed aggressivo. Brian May era solito inoltre usare il Deacey Amp in concomitanza al treble booster per registrare le sovraincisioni e le armonizzazioni, mentre usava il Vox per registrare le altre tracce. Negli ultimi album adoperò anche effetti più tecnologici e particolari come il wah, delay, echo, flanger, riverbero. Il loro uso ha permesso ai Queen di creare effetti molto innovativi per una chitarra, al punto da rifiutare per lungo tempo (fino all'album The Game) l'uso dei sintetizzatori che andavano allora prendendo piede. È da ricordare l'ingegnoso uso del delay e dell'echo che Brian fece per le esibizioni live: essendo presente una sola chitarra nel gruppo, che doveva occuparsi sia dell'accompagnamento sia delle parti soliste, Brian May era solito utilizzare tre banchi di amplificatori secondo il seguente schema:

1) segnale dry (senza ritardo)

2) segnale con ritardo

3) segnale con un ritardo doppio rispetto al banco 2

Quello che si otteneva era dunque un suono che si ripeteva tre volte con un ritardo equidistante per ogni banco di amplificatori. Brian con questo sistema era in grado di suonare dei riff e sovraincidersi in tempo reale (come nel celebre pezzo Brighton Rock). Un altro tratto sicuramente imprescindibile per il suono è il chorus: Brian adoperò sempre il Ce-1 della Boss (totalmente analogico) introdotto negli anni '70, in grado di fornire un chorus molto profondo e anche un particolare effetto di vibrato.

(fonte:wikipedia)




Streammy. Un programma con un motore di ricerca integrato per cercare e guardare film e sport in streaming a tuo piacere. Scarica subito l'applicazione. E' gratuita! Clicca QUI

Vlc Media Player è una delle applicazioni gratuite più complete per riprodurre file multimediali. Disponibile per i miei lettori QUI


Condividi questo articolo

Vota su OKNotizie Vota su Segnalo Vota su Diggita Agregar a Technorati Agregar a Del.icio.us Agregar a DiggIt! Agregar a Yahoo! Agregar a Google Agregar a Reddit Vota su Diggitsport Agregar a facebook Agregar a twitter Segnala su Technotizie Vota su Wikio vota su Fai Informazione segnala su ziczac Vota su Intopic Figo: lo DIGO! Notizie Flash votami su TuttoBlog

Dillo ad un tuo amico!

Il "camino rosso"SocialTwist Tell-a-Friend

0 commenti